Only Fools and Horses
Cultura

Solo i Pazzi e i Cavalli: Risate all’Inglese con Del Boy e Rodney!

Per gli appassionati di cinema e serie TV che nutrono un affetto particolare per le saghe familiari e le avventure imprevedibili, la serie britannica “Only Fools and Horses” si pone come un cult indimenticabile. Trasmessa dalla BBC dal 1981 al 1991 con speciali episodi fino al 2003, questa sitcom ha catturato il cuore di milioni di spettatori grazie alla sua inconfondibile miscela di umorismo, calore umano e genuina rappresentazione della classe lavoratrice londinese.

La serie segue le peripezie di Derek “Del Boy” Trotter, interpretato dall’indimenticabile David Jason, e suo fratello Rodney, portato sullo schermo da Nicholas Lyndhurst, due fratelli mercanti di merci a volte dubbie nel mercato di Peckham, sud di Londra. Insieme vivono in un modesto appartamento, condiviso con l’anziano Grandad e successivamente con lo zio Albert, e sono costantemente alla ricerca del “colpo grosso” che li renderà milionari – un sogno ironicamente riassunto nel loro motto: “This time next year, we’ll be millionaires!”

La genialità di “Only Fools and Horses” risiede nella sua capacità di intrecciare la commedia slapstick con momenti di sincera emotività, riflettendo la realtà di molti che cercano di migliorare la loro condizione in un’epoca di sfide economiche. L’innata simpatia per questi personaggi così profondamente umani e pieni di speranze, spesso frustrate ma mai domate, ha reso la serie un punto di riferimento, dando vita a citazioni e situazioni entrate nella cultura popolare del Regno Unito. “Only Fools and Horses” non è solo una serie TV; è un affresco sociale, un ritratto affettuoso di una famiglia che lotta, sogna e ride insieme, lasciando un’impronta indelebile nella storia della televisione britannica.

Only Fools and Horses: personaggi

“Only Fools and Horses” è una serie che ha incantato il pubblico con un cast in grado di dare vita a personaggi ormai iconici nel panorama televisivo britannico. Al centro di quest’universo troviamo Derek “Del Boy” Trotter, interpretato magistralmente da David Jason, la cui performance gli è valsa quattro BAFTA come miglior attore. Del Boy è il carismatico e intraprendente venditore di merci di dubbia provenienza, eternamente ottimista riguardo alle sue fortune future. Accanto a lui, Nicholas Lyndhurst nei panni di Rodney, il più giovane e naif dei fratelli Trotter, che cerca di trovare la sua strada nel mondo sotto l’ombra ingombrante del fratello maggiore. La loro dinamica fraterna è il motore comico e emotivo dello show, spesso fonte di situazioni esilaranti quanto toccanti.

L’anziano “Grandad”, interpretato dal compianto Lennard Pearce, e in seguito lo stravagante zio Albert, a cui Buster Merryfield ha prestato il volto e il cuore, offrono una dimensione generazionale che arricchisce le vicende con una saggezza alquanto bizzarra. Tra gli altri personaggi ricorrenti, si distinguono la fidanzata di Del Boy, Raquel (Tessa Peake-Jones), e il fedele amico Trigger, interpretato da Roger Lloyd-Pack, il cui tempismo comico resta impareggiabile. Ogni personaggio, dal principale fino al più piccolo cameo, è stato scelto e caratterizzato con cura, rendendo “Only Fools and Horses” un capolavoro di casting tanto quanto di sceneggiatura. La chimica tra gli attori trascende lo schermo, rendendo il pubblico parte di una famiglia allargata – una famiglia Trotter che, con le sue imperfezioni e irresistibili aspirazioni, ha conquistato un posto nell’immaginario collettivo.

La trama in breve

Ambientata nei sobborghi di Peckham, a sud di Londra, “Only Fools and Horses” è una sitcom che racconta con umorismo e calore la vita di Derek “Del Boy” Trotter e suo fratello Rodney, in perenne lotta con le difficoltà economiche e le insidie di una società in rapido cambiamento. La serie segue le incredibili e spesso disastrose avventure dei due fratelli Trotter, due venditori ambulanti pieni di astuzia, che di professione trafficano in oggetti di dubbia utilità e provenienza, sperando in un colpo di fortuna che li renda ricchi. Del Boy, l’eterno ottimista, con il suo caratteristico berretto e il suo infallibile senso degli affari, è il leader indiscusso del duo, mentre Rodney, più giovane e idealista, cerca sempre di seguire i piani del fratello maggiore, seppur con un pizzico di scetticismo e aspirazioni personali. La loro esistenza è un carosello di affari mancati, piani rocamboleschi e sogni di grandezza, in un contesto familiare che vede la presenza di figure come l’anziano Grandad e lo zio Albert, entrambi fonte di saggezza e comicità. “Only Fools and Horses” non si limita a far ridere: è un affresco sociale che tocca temi come la famiglia, l’amicizia e l’aspirazione all’ascensore sociale, con un occhio sempre attento alla realtà della classe lavoratrice britannica degli anni ’80 e ’90.

Curiosità interessanti

La serie TV “Only Fools and Horses” è un vero gioiello della cultura televisiva britannica, ricca di aneddoti tanto affascinanti quanto la sua trama. Il titolo stesso è un’espressione cockney che suggerisce come “solo gli sciocchi e i cavalli lavorano per vivere”, un ironico riferimento alla vita di sgobbo dei protagonisti. Un episodio particularmente emblematico della serie è “Time on Our Hands” (1996), che si concluse con i fratelli Trotter che finalmente raggiungono il loro sogno di diventare milionari. Questo episodio detiene il primato del più visto nella storia della televisione britannica, con un pubblico di oltre 24 milioni di telespettatori.

La creazione degli iconici personaggi e della trama vibrante di “Only Fools and Horses” è merito del talentuoso John Sullivan, che oltre a scrivere la serie, compose anche la sigla, “Hooky Street”. Curiosamente, la Reliant Regal, il carretto a tre ruote guidato da Del Boy, è diventato uno dei più famosi veicoli della cultura pop britannica, simbolo dell’improbabile ascesa sociale dei protagonisti.

La produzione della serie presentò delle sfide: fu girata sia in studio che in esterna, una novità per l’epoca, fondendo le risate dal vivo con la profondità narrativa di scenari realistici di Londra. Inoltre, la morte dell’attore Lennard Pearce (Grandad) durante la produzione portò all’introduzione dello zio Albert, che si integrò perfettamente nel cast. Con un’eredità che comprende sette serie e numerosi speciali festivi, “Only Fools and Horses” si è guadagnata un posto d’onore nel cuore degli appassionati, dimostrando che la vera ricchezza è nella risata e nella forza dei legami umani.

Potrebbe piacerti...